HomeSaluteIl caso Britney Spears, se la voglia di libertà viene etichettata come...

Il caso Britney Spears, se la voglia di libertà viene etichettata come disagio mentale

PSICHIATRIZZARE i problemi della vita, trasformando in malattia le difficoltà dell’esistenza e attribuendo così l’etichetta di ‘malati’, potenzialmente incapaci di autodeterminarsi, a persone che hanno avuto comportamenti anticonformisti o che si sono lasciate andare all’espressione tumultuosa delle proprie emozioni. È quanto sembra essere accaduto a Britney Spears, sottoposta alla tutela del padre Jamie da più di tredici anni, in seguito a intemperanze, gesti clamorosi e abusi alcolici che le sono costati anche la custodia dei due figli per sette anni.