HomeUncategorized«Volevano estorcere 60mila euro» In quattro rinviati a giudizio

«Volevano estorcere 60mila euro» In quattro rinviati a giudizio

CIVITANOVA – Uno degli imputati aveva dato appuntamento ad un 39enne e si erano presentate tre persone. Uno di loro gli ha sparato alla gamba con una pistola ad aria compressa, un altro lo ha preso a pugni. La difesa respinge le contestazioni

30 Giugno 2021 – Ore 18:45

caricamento letture

Il tribunale di Macerata
 
Tentano di estorcere 60mila euro ad un 39enne, quattro persone rinviate a giudizio dal gup del tribunale di Macerata. L’udienza si è svolta questa mattina davanti al giudice Domenico Potetti. Secondo l’accusa, sostenuta dal pm Vincenzo Carusi, il 56enne Salvatore Grippa, originario di San Severo, il 18 aprile del 2017 aveva dato appuntamento ad un uomo di 39 anni, residente a Montecosaro, nei pressi dello stadio di Civitanova.
Giovanni Galeota
Ad attendere il 39enne c’erano tre persone, continua l’accusa: il 30enne Ovidiu Costantini Mazagaciu, romeno, il 34enne Bledar Pjetri, albanese, il 36enne Ervis Gjyshi, 36, albanese. Questi tre uomini avrebbero minacciato il 39enne per ottenere 30mila euro per loro e altrettanti per Grippa. Giyshi avrebbe brandito un coltello da cucina, Pjetri avrebbe puntato una pistola al volto del 39enne, inoltre lo avrebbe colpito alla testa con in calcio della pistola e avrebbe sparato un colpo di pistola ad aria compressa alla gamba del 39eenne. Mazagaciu avrebbe preso a pugni l’uomo, colpendolo in volto. Mazagaciu e Pjetri devono rispondere anche di lesioni. Gli imputati sono difesi dagli avvocati Giovanni Galeota e Sante Monti. Galeota ha sostenuto che non si può parlare di tentata estorsione ma semmai di esercizio arbitrario delle proprie ragioni in quanto Grippa voleva ottenere il denaro che il 39enne gli doveva. Il gup ha rinviato a giudizio gli imputati, il processo si aprirò il 22 novembre al tribunale di Macerata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page