Baby malviventi e bulli, giro di vite del Comune: «Controlli a tappeto nelle zone chiave»

Altri articoli

MACERATA – L’amministrazione ha deciso di mettere in campo la polizia locale dopo alcuni episodi che si sono verificati negli ultimi mesi, il più grave: la coppia aggredita e rapinata da un 17enne in via Mozzi. Appello alle famiglie: «Segnalate per scongiurare conseguenze peggiori»

11 Marzo 2022 – Ore 16:39

caricamento letture

 
Polizia locale in campo contro i baby bulli: controlli a tappeto in città. Dopo alcuni episodi successi in città, e soprattutto con l’obiettivo di fare prevenzione, l’amministrazione di Macerata ha deciso di mettere in campo la municipale. Per questo gli agenti guidati dal comandante Danilo Doria effettueranno una serie di controlli in alcuni punti strategici della città, di solito frequentati da ragazzini e davanti alle scuole. L’episodio più grave a gennaio, quando un 17enne e un altro giovane hanno aggredito una coppia in via Mozzi alle 2 di notte, hanno picchiato lui e e gettato a terra lei per rubare il cellulare, minacciando entrambi anche con una bottiglia rotta. Mentre poche settimane fa un ragazzino minorenne, nella zona della chiesa di San Filippo, aveva tirato fuori un coltello generando il fuggi fuggi dei coetanei.
«L’Amministrazione, grazie al lavoro della polizia ha deciso di attenzionare maggiormente un fenomeno che, al giorno d’oggi, è purtroppo esteso e, spesso, silente proprio perché i giovani fanno difficoltà a raccontare e denunciare – ha detto il sindaco Sandro Parcaroli – Informazione, prevenzione e rieducazione alla socialità sono dei punti fermi da perseguire contro il bullismo e chiediamo, in questo, il coinvolgimento di tutte le istituzioni e, soprattutto, del mondo della scuola».
«Purtroppo il fenomeno del bullismo è più esteso di quello che si pensa e magari, a volte, dietro un gesto considerato come una banale ‘ragazzata’ si nascondono problematiche serie quanto delicate. E’ quindi importante attenzionare e svolgere servizi di prevenzione. Durante la pandemia giovani e adolescenti hanno subito una forte restrizione a livello di socializzazione – commenta il vice sindaco e assessore alle Politiche sociali Francesca D’Alessandro -. Di conseguenza atteggiamenti aggressivi e difficoltà a controllare le proprie emozioni a volte si traducono in varie forme di bullismo. L’Amministrazione comunale, sensibile al fenomeno sta lavorando per mettere in campo azioni per contrastarlo, attraverso l’educazione alle buone pratiche relazionali».
«Tutelare e valorizzare la crescita educativa e sociale dei ragazzi, soprattutto minorenni, e in particolare dei soggetti più fragili e prevenire i rischi che possono minare il loro benessere è una cosa importante e fondamentale, anche al di fuori dei luoghi deputati all’educazione e allo studio – interviene l’assessore alla Sicurezza Paolo Renna -. In questo senso monitorare le aree dove i ragazzi si ritrovano al di fuori dell’orario scolastico è un’azione di prevenzione, condivisa anche dai genitori, che indubbiamente può rappresentare un deterrente incisivo».
L’Amministrazione comunale esorta le famiglie «a segnalare qualsiasi episodio al fine di scongiurare conseguenze peggiori come già avvenuto recentemente per cui, grazie ad una segnalazione tempestiva, si è potuto operare preventivamente».
 
Bullismo in centro: tira fuori un coltello, fuggi fuggi di ragazzini

Violenta rapina, nei guai baby malvivente: lei presa per i capelli e gettata a terra, lui minacciato con una bottiglia rotta

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Rome
poche nuvole
31.5 ° C
33.2 °
29.9 °
49 %
2.1kmh
20 %
Mar
33 °
Mer
34 °
Gio
33 °
Ven
32 °
Sab
29 °

Più recente