«Curva pandemica in crescita, se necessario valuteremo obbligo mascherine all’aperto»

Altri articoli

ANCONA – Così il presidente Francesco Acquaroli oggi a Torrette, a margine della presentazione del reparto di Psichiatria dedicato agli adolescenti. Sulle dosi inoculate: «La campagna vaccinale è ripartita forte, ieri ci sono state 12mila somministrazioni»

2 Dicembre 2021 – Ore 18:01

caricamento letture

Il presidente Acquaroli a Torrette

 
«In questi giorni la curva pandemica è sempre in crescita e le ospedalizzazioni stanno crescendo in media di 2-3 unità al giorno. Eventualmente, valuteremo la possibilità di emanare un’ordinanza per l’obbligatorietà delle mascherine all’aperto». Sui vaccini: «La campagna sta ripartendo forte, ieri sono state somministrate 12mila dosi». Così il governatore Francesco Acquaroli all’ospedale di Torrette, al termine della presentazione del reparto di Psichiatria dedicato agli adolescenti (servizio a parte). «In questa fase occorre fare la massima attenzione, – afferma Acquaroli a proposito dell’obbligo di mascherine all’aperto, misura già adottata da singole città – al di là di indirizzi e specifiche azioni ufficiali. Bisogna sempre rifarci alle accortezze a cui ci siamo abituati. Se ci sarà una necessità particolare, cercheremo di comprenderlo e tempestivamente come lo scorso anno, eventualmente faremo un’ordinanza per la mascherina anche all’aperto. Se sarà necessario e se i nostri uffici lo dovessero ritenere opportuno».
Taglio del nastro del nuovo reparto di Psichiatria
Sulle vaccinazioni: «Ieri ci sono state 12mila somministrazioni – riferisce Acquaroli -. Sono numeri che iniziano ad essere elevati e importanti, legati anche all’efficienza della macchina che sta riprendendo ai massimi livelli». Dal 16 dicembre si potranno anche vaccinare i bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni. Su un ipotetico hub dedicato ai più piccoli: «Non credo che in questo momento  sia ipotizzabile – continua Acquaroli -. Ora è fondamentale la questione dei richiami poi vedremo quello che ci dirà il Cts  e il Ministero e quello che sarà l’orientamento delle aziende ospedaliere. Per noi adesso è fondamentale l’azione del richiamo vaccinale e mettere in sicurezza la parte della popolazione che dopo aver fatto il vaccino tanti mesi fa rischia di aver perso l’immunizzazione».
(redazione CA) 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Rome
cielo sereno
33.6 ° C
35.9 °
30.8 °
34 %
2.6kmh
0 %
Gio
34 °
Ven
34 °
Sab
37 °
Dom
38 °
Lun
39 °

Più recente