Il virus Nipah uccide ragazzo di 12 anni in India: allerta sanitaria nel Kerala. Che cos’è e come si manifesta

Altri articoli

Un altro pericoloso virus, il Nipah, quasi sempre fatale, si è aggiunto nei giorni scorsi al SarsCov2 nello stato del Kerala, il più colpito dalla pandemia in India.

Un ragazzo di 12 anni è morto ieri, colpito dal Nipah: lo ha reso noto la ministra alla Salute dello stato Veena George. Secondo George, altre venti persone delle quasi duecento che hanno avuto contatti con il ragazzo nell’ultima settimana sono sotto osservazione. “E almeno due, entrambi operatori sanitari, mostrano sintomi del virus”, fanno sapere dal Dipartimento alla salute. Nei distretti di Kozhikode, Malappuram e Kannur è stata lanciata un’allerta sanitaria.

Quando è stato identificato e i sintomi

Il Nipah,un virus di natura zoonotica, identificato dagli scienziati per la prima volta in Malesia, alla fine degli anni 1990, in un allevamento di suini. In India ci sono stati episodi di Nipah nel Bengala Occidentale, nel 2001 e nel 2007, e più recentemente, proprio in Kerala, nel 2018 e nel 2019. Una ricerca incrociata dei due più prestigiosi istituti indiani, l’Indian Council of Medical Research e il National Institute of Virology ha identificato il virus in campioni di saliva di pipistrelli.

Nipah è una delle 10 “osservate speciali” dell’OMS, ovvero le malattie che destano più preoccupazione per il futuro.

Origini del Covid, ormai è troppo tardi per scoprire la verità

di

Davide Michielin

04 Settembre 2021

Come si trasmette

Nipah, identificato per la prima volta durante un’epidemia alla fine degli anni ’90 in Malesia, può essere diffuso da pipistrelli della frutta, maiali e attraverso il contatto da uomo a uomo.

I sintomi e le terapie

Non esiste un vaccino per il virus, che può causare febbri violente, convulsioni e vomitoche causa un’infiammazione cerebrale o difficoltà respiratorie. L’unico trattamento è la terapia di supporto per controllare le complicanze e mantenere i pazienti a proprio agio.

Il virus ha un tasso di letalità stimato tra il 40% e il 75%, secondo l’OMS, il che lo rende molto più mortale del coronavirus.

George ha detto che martedì verranno testati altri campioni e che un totale di 48 contatti, inclusi gli otto risultati negativi, sono attualmente monitorati in un ospedale. I funzionari effettueranno anche la sorveglianza porta a porta e identificheranno i contatti secondari.

Durante il fine settimana, il governo federale ha inviato un team di esperti a Kozhikode per aiutare i funzionari locali a rintracciare i contatti. Hanno anche suggerito un elenco di raccomandazioni, tra cui il rafforzamento delle infrastrutture sanitarie in caso di più casi e l’allerta dei distretti vicini.

Nel Kerala ci sono stati casi di Nipah nel 2018, quando più di una dozzina di persone sono morte a causa del virus. Questa volta, la preoccupazione è aggravata dal fatto che lo stato ha conquistato i titoli nazionali nelle ultime settimane per aver visto il maggior numero di casi giornalieri di COVID-19 in tutta l’India.

Lunedì, il Kerala ha registrato quasi 20.000 infezioni da COVID-19 sul totale giornaliero dell’India di 31.222. Mentre i casi in tutto il paese sono diminuiti dopo un’ondata devastante all’inizio di quest’anno, la situazione in Kerala rimane preoccupante, con gli esperti che avvertono che lo stato non può abbassare la guardia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Rome
cielo sereno
32.7 ° C
34.9 °
28.6 °
37 %
4.6kmh
0 %
Sab
33 °
Dom
36 °
Lun
39 °
Mar
38 °
Mer
34 °

Più recente