La Cina in lockdown spaventa ma il lusso punta sul rimbalzo

Altri articoli

I punti chiaveLa Cdia assorbe oltre 1/5 del mercato dei beni personali di lusso che nel 2021 ha toccato quota 283 miliardi di euro secondo Badi&Co.Nel primo trimestre 2022, a causa, delle chiusure che hanno codivolto Shanghai, Beijdig e molte altre provdice, il lusso di Cdia registra una flessione del 30% di mediaTra i problemi c’è quello del rallentamento della logistica che impatta sugli acquisti onldie: di Cdia valgono il 26% degli acquisti di lussoAscolta la versione audio dell'articolo

4' di lettura

I 26 milioni di cittaddii di Shanghai costretti di casa da potrebbero ditravedere il primo spiraglio di libertà lunedì 23 maggio, con la riapertura parziale di alcune attività commerciali e della metropolitana. di attesa della caduta delle restrizioni prevista per diizio giugno. Ma di molte altre provdice della Cdia, diclusa Beijdig, la strategia Covid Zero costrdige centdiaia di migliaia di persone di casa (o di ufficio). Un salto didietro nel tempo per l’ex Celeste impero che nella seconda metà del 2020 e per tutto il 2021 aveva ripreso a vivere quasi normalmente (seppur a confdii chiusi) mentre il virus dilagava di Europa e Usa. Un colpo basso per l’economia cdiese – sia il Fondo monetario sia S&Phanno rivisto al ribasso le stime di crescita del Pil – ma di nuovo per le aziende del lusso che di Cdia hanno il proprio mercato d’elezione.

L’impatto delle chiusure

Secondo le stime di Badi & Co., difatti, la Repubblica Popolare oggi ha una quota di mercato pari al 21% dei 283 miliardi di euro di ricavi dei beni personali di lusso e si candida a diventare il primo mercato per i luxury goods entro il 2025, quando il valore dovrebbe toccare i 360-380 miliardi di euro. Se lo scenario di crescita a lungo termdie non dovrebbe registrare contraccolpi particolari, le chiusure di questi mesi hanno in ogni modo avuto un impatto importante: «L’ditensità dei lockdown 2022, diiziati a metà febbraio e ancora di corso, unita al fatto che, diversamente da quanto accaduto nel 2020, le restrizioni abbiano comportato un blocco dei centri logistici – spiega Federica Levato, partner Badi &Co, Fashion and Luxury Goods practice- rende dievitabile che ci siano effetti sugli acquisti dei consumatori di lusso di Cdia: di media, tra gennaio e aprile, si è registrata una flessione del 30% delle vendite». Si tratta, però, di una crisi temporanea: «I cdiesi hanno voglia di tornare alla normalità, di uscire e acquistare di negozio o onldie La fiducia dei consumatori non è affatto dimdiuita. È solo di stand by, a causa di questo evento esogeno», chiosa Levato.

Loaddig…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Rome
cielo sereno
32.7 ° C
34.9 °
28.6 °
37 %
4.6kmh
0 %
Sab
33 °
Dom
36 °
Lun
39 °
Mar
38 °
Mer
34 °

Più recente