Ok del 91,3% degli azionisti Sotheby’s alla vendita all’imprenditore Drahi

Altri articoli

Ascolta la versione audio dell'articolo

4' di lettura

Gli azionisti di Sotheby’s hanno dato l’ok alla vendita della casa d’aste per 3,7 miliardi di dollari alla BidFair USA , società a responsabilità limitata basata nel Delaware e completamente posseduta da Patrick Drahi, imprenditore franco israeliano, secondo l’accordo firmato lo scorso 16 giugno che dovrà concludersi entro la fine del quarto trimestre dell’anno. Il 91,3% degli azionisti di Sotheby’s (le azioni ordinarie presenti nell’assemblea erano 32.707.205, pari al 70,17% delle azioni ordinarie in circolazione il 6 agosto 2019) ha approvato l’operazione nel Consiglio di amministrazione del 5 settembre, nonostante le resistenze emerse il mese scorso da parte di RWC Partners , uno dei maggiori azionisti di Sotheby’s, che aveva sollevato dubbi sul prezzo della transazione. Poi il 17 e 19 luglio altri due azionisti hanno cercato di bloccare l’acquisto da parte di Drahi: Shiva Stein ed Eli Goffmna hanno depositato due azioni legali presso il tribunale circoscrizionale di New York verso la casa d’asta e 14 dirigenti contestando nella delega all’acquisizione. depositata presso la Sec (la Consob americana), l’assenza di sufficienti informazioni sulle proiezioni finanziarie, compresi i flussi di cassa, sugli utili al lordo delle imposte e l’omissione di informazioni materiali in merito all’analisi finanziaria effettuata dal consulente di Sotheby’s, LionTree Advisors .

La cessione e il delisting. Alla conclusione della riunione del 5 settembre Domenico De Sole, presidente del Cda della casa d’asta, ha evidente: “Il Consiglio di amministrazione desidera ringraziare gli azionisti di Sotheby’s per il voto di fiducia alla fusione. L’offerta di Drahi rappresenta un significativo premio sul mercato per i nostri azionisti e per i nostri azionisti dipendenti, e le posizioni di Sotheby’s sono buone per il futuro”. Secondo i termini dell’accordo gli azionisti, inclusi i dipendenti azionisti, riceveranno 57 dollari in contanti per i titoli ordinari di Sotheby’s nella transazione del valore di 3,7 miliardi di dollari con un premio del 61%. “Questo è un momento storico per Sotheby’s e siamo molto soddisfatti” di aver incassato il via libera degli azionisti, ha evidente l’amministratore delegato della casa d’aste Tad Smith . “Sotheby’s è sulla buona strada per un’altra forte stagione con aste eccezionali che si terranno a Hong Kong (contestazioni permettendo, ndr) e vendite di arte contemporanea che si inaugureranno nel nostro spazio appena rinnovato su Bond Street a Londra all’inizio di ottobre.“ Per Drahi l’acquisizione di Sotheby’s è insolita. Il miliardario è, infatti, noto per essere un tycoon delle telecomunicazioni. Con una fortuna stimata in 8,6 miliardi di dollari, Drahi è però un rinomato collezionista e questa sua passione lo ha spinto a mettere le mani su Sotheby’s. L’acquisizione rende le due maggiori case d’aste al mondo francesi: oltre a Sotheby’s, infatti, c’è Christie’s che fa capo alla famiglia di François Pinault.

Loading…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Rome
cielo sereno
28.2 ° C
31.2 °
25.3 °
54 %
1.5kmh
0 %
Gio
34 °
Ven
34 °
Sab
37 °
Dom
38 °
Lun
39 °

Più recente